Travel Mobile, la nuova era del web marketing

Mobile MarketingAsserire con certezza che l’era del PC sia realmente terminata potrebbe essere quantomeno precoce, certo è che per tutti gli hoteliers o i proprietari di alberghi in generale il cambiamento non è assolutamente da sottovalutare, gli ultimi dati riportano infatti che gli utenti che accedono da un dispositivo mobile ad internet ammontano a circa il 27% del totale.

E’ormai imminente il un significativo passaggio dal PC desktop ai tutti i dispositivi mobili, anche Google ci conferma che ogni giorni vengono attivati ogni giorno 300.000 nuovi dispositivi Android, nello specifico le ricerche per la categoria viaggi effettuate attraverso questi nuovi device sono in netto aumento e con l’evolversi delle modalità di pagamento via mobile è chiaro che la gente non effettui solo ricerche ma porti a conclusione l’intera transazione.

Si stima che le prenotazioni attraverso questo canale abbiano subito una vera e propria impennata, passando da un totale di 20 milioni del 2008 ai più di 200 milioni di oggi, è chiaro quindi come il mobile stia radicalmente cambiando le vite di tutti noi compresa le tipologie di fruizione dei viaggi, gli internauti oggi sono più propensi a cercare un viaggio, a prenotare un hotel ad organizzare tutta la loro vacanza esclusivamente attraverso smartphone o tablet.

In funzione di tutto questo è bene ripensare a tutte le future strategia di marketing online, non si può più pensare ad un sito di un hotel che non sia navigabile da tutti i nuovi e moderni dispositivi, sono molti i casi di hoteliers che investono in campagne PPC e che queste nonostante generino molte visite dai dispositivi mobili non convertono, la ragione è da individuarsi nella mancanza di una versione mobile ready del proprio sito.

Questo rappresenta l’inizio di una nuova era per tutti gli albergatori, che avranno quindi la possibilità di giocare d’anticipo, evitando di farsi cogliere impreparati ed andando a soddisfare questa nuova tipologia di utenti che a breve rappresenteranno la fetta più ampia del mercato, d’altronde come risulta anche da un recente studio di Amadeus il turista di oggi risulta sempre connesso.