Cosa sapere sul viaggiatore post Covid?

Cosa sapere sulla pianificazione del viaggio, sugli acquisti e sulla prenotazione del viaggiatore post Covid?

Tutti nel settore dei viaggi sanno che la pandemia COVID-19 ha fermato bruscamente i viaggi leisure. E questa tendenza probabilmente continuerà nei prossimi mesi. In effetti, le stime mostrano che l’industria dei viaggi potrebbe perdere fino a 318 miliardi di dollari nel 2021.

Mentre i casi continuano a salire, i viaggiatori sono riluttanti a preparare le valigie e gli Hotel si stanno impegnando a stimolare le prenotazioni. Ma c’è un barlume di speranza: un recente rapporto di Phocuswright ha rilevato che i viaggiatori post Covid sono cautamente ottimisti riguardo ad alcuni viaggi a breve termine, mentre la maggior parte sta prendendo in considerazione la prenotazione nel 2021. Tuttavia, stanno dando la priorità a salute e sicurezza, accesso alle cure mediche e preoccupazione per requisiti di quarantena.

Anche se il settore dei viaggi certamente non può prevedere i mandati di quarantena, le aziende possono trarre vantaggio dalla domanda soddisfacendo le condizioni dei clienti. Ecco i passaggi fondamentali che gli hotel possono intraprendere per trasformare i sognatori in viaggiatori.

Sii presente in ogni fase della prenotazione 

Analizziamo come si comporta il viaggiatore post Covid. La pandemia COVID-19 ha cambiato l’intero modo di viaggiare. Ora, la ricerca sui viaggi inizia prima, ma i viaggiatori aspettano di prenotare più vicino alla partenza. Chi era abituato a prenotare un viaggio senza pensarci, oggi non prenota senza pensare e i viaggiatori di età superiore ai 55 anni non prenotano più i loro viaggi con largo anticipo.

Solo una manciata di viaggiatori si aspetta di mantenere le finestre di prenotazione pre-COVID. Ciò significa che i fornitori di viaggi devono fornire informazioni continuamente aggiornate ed essere pronti per finestre di prenotazione ristrette.

Anche se i trend dicono che ci sia bisogno di piattaforme di prenotazione alternative a quelle classiche, la maggior parte dei viaggiatori continuerà a prenotare utilizzando le stesse piattaforme, quindi i provider devono garantire che tutte le informazioni e le tariffe siano aggiornate su tutti i canali di marketing e distribuzione.

Oltre alle modifiche della cronologia, i budget sono diminuiti, in particolare nella fascia di età compresa tra 18 e 34 anni. I viaggiatori attenti al budget che prenotano viaggi più brevi in destinazioni più convenienti, dal 26% al 38%, stanno evitando di viaggiare.

Spetterà agli hotel costruire campagne attorno a queste nuove tempistiche, concentrandosi al contempo sulla creazione di valore per i viaggiatori più parsimoniosi. Comprendere i loro desideri e bisogni in ogni fase del percorso, non solo accelera il recupero, ma conquisterà la futura fedeltà dei clienti.

Viaggiatori post Covid: nazionali oggi e internazionali domani

Molti viaggiatori stanno progettando di mettersi in viaggio, ma per ora si limitano a prenotare vicino o dentro la propria città. A causa di sistemi sanitari sconosciuti, normative nuove e la paura di restare bloccati, molti non sono ancora pronti ad attraversare i confini internazionali

Un viaggiatore su quattro è già pronto a viaggiare sul territorio nazionale e nove su dieci sono pronti a ricominciare a viaggiare entro il prossimo anno. Per questo motivo gli Hotel devono concentrare gli sforzi immediati sui mercati locali. Tuttavia, le iniziative a lungo termine dovrebbero comunque promuovere i viaggi internazionali. In Europa dal 61% al 73% dei viaggiatori si sentirà a proprio agio con i viaggi internazionali entro luglio 2021.

Con l’eliminazione delle restrizioni, i viaggiatori frequenti o coloro che hanno fatto tre o più viaggi nel 2019 saranno i primi ad avventurarsi. Nonostante l’esitazione ad andare all’estero, i viaggiatori sono aperti ad andare verso diversi tipi di destinazioni. Le città più piccole e le destinazioni rurali saranno le scelte migliori, mentre le fughe urbane e suburbane saranno più popolari entro i prossimi sei mesi.

Il fattore più importante che il viaggiatore post Covid considererà sono i tassi di infezione nelle loro destinazioni preferite, anche con i vaccini disponibili. Oltre alla sicurezza, i viaggiatori stanno anche aspettando la revoca dei mandati di quarantena.

Spiega e informa

Far sentire i viaggiatori a proprio agio è la chiave per guidare le prenotazioni. Le politiche formali, compresi i protocolli sanitari, gli avvisi governativi e l’apertura delle frontiere, indicano che è sicuro viaggiare. Oltre ai protocolli di salute e sicurezza, la perdita di denaro è la principale preoccupazione per i potenziali viaggiatori. La flessibilità è fondamentale e dall’83% al 92% dei viaggiatori in tutti i mercati desidera informazioni chiare e facili da trovare su rimborsi, cancellazioni e opzioni di riprenotazione.

Oltre a informazioni chiare sulla prenotazione, i viaggiatori vogliono anche essere informati sulla sicurezza, inclusi i requisiti di pulizia, igiene e DPI. Offrire materiale chiaro e dettagliato farà sentire i viaggiatori a proprio agio in ogni fase del percorso.

Ricorda che il periodo tra la prenotazione e il soggiorno crea una chiara opportunità per costruire comfort e fiducia. Assicurati di sfruttare canali one-to-one come e-mail e messaggistica istantanea per fornire aggiornamenti e idee locali pertinenti per rendere la loro prossima visita sicura e unica.

Fai uno sforzo extra

Non c’è mai stato momento migliore per enfatizzare la parte “ospitalità” del settore dell’ospitalità. Il cinquantanove per cento dei viaggiatori post Covid desidera sapere che le compagnie di viaggio hanno consultato le autorità sanitarie quando hanno adottato le nuove politiche COVID. Che rispettino le linee guida del governo, i viaggiatori vogliono che il personale d’hotel e gli altri viaggiatori indossino le protezioni per il viso, controllino la temperatura corporea, rispettino il distanziamento nelle aree chiuse e che siano rispettati i protocolli di igiene.

Sebbene le misure di base siano una statistica eccellente, ora è il momento di andare oltre. Gli hotel, le compagnie aeree e le attrazioni dovrebbero fornire DPI agli ospiti e implementare misure contactless, come le chiavi della camera in-app.

Inoltre, i viaggiatori ritengono che i filtri dell’aria siano essenziali per il trasporto e si sentono anche più a loro agio con l’ingresso orario per le attrazioni. I brand del turismo dovrebbero valutare ogni fase del percorso del cliente in loco per assicurarsi di dare il loro contributo più ospitale e sicuro.

Riprendersi da una pandemia globale è la sfida più grande che l’industria dei viaggi abbia mai affrontato. Ma la buona notizia è che il viaggiatore post Covid vuole tornare a esplorare non appena è sicuro. Adottando misure consapevoli di COVID, i le imprese possono aprire la strada al recupero con un’esperienza sicura e ospitale.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial