L’Utente Cambia l’Approccio per la Ricerca di Hotel Online

Ormai è certo che l’associazione hotel/nome della città per la ricerca di un hotel ha fatto il suo tempo, siamo di fronte ad una nuova generazione di utenti sempre più informati, esigenti e consapevoli delle potenzialità del mezzo.

L’enorme valore che fino a poco tempo fà poteva avere l’essere posizionati bene su Google con la key nome hotel/città, è stato oggi completamente ridimensionato, gli stessi dati di Google Insight  (http://www.google.com/insights/search/) ci indicano questa nuova tendenza evidenziando come quella vecchia tipologia di ricerca abbia perso circa il 70% del suo valore.

Ho parlato prima di una nuova tipologia di utente-viaggiatore, è impensabile quindi per chiunque voglia fare o faccia del web il suo core business, precludersi da una attenta analisi di quest’ultimo.

Le ipotesi oggi più accreditate lasciano trapelare come con tutta probabilità la cosiddetta “long tail research” (ricerca dalla lunga coda) rappresenti forse la più grande novità. In poche parole il navigatore nella ricerca di un hotel inserisce una parola chiave più lunga e dettagliata: “Hotel per week-end romantico con Spa”,  “Hotel a Roma con cucina per ciliaci”, ecc.

L’altra idea è che l’hotel oggi sia cercato in maniera molto più mirata non limitandosi più alla città, ma scendendo ancora più in profondità, accostando al nome della città una specifica zona di essa, una particolare attrazione, una fermata della metro o magari la stazione ferroviaria, è alla luce di questa tendenza che tutti gli addetti ai lavori del marketing online per hotel stanno arricchendo le loro pagine web con i famosi P.O.I. (Point of Interest).

Altro step fondamentale che deve essere assolutamente preso in considerazione dagli albergatori è quello di essere presenti soprattutto nei sempre più valenti ed efficaci siti di comparazione di hotel, denominati come “hotel comparison” scegliendo quelli che danno la possibilità all’utente di raffinare il più possibile i risultati della propria ricerca (Long Tail e POI), questi siti rappresentano oggi quanto di più in linea con la nuova forma mentis del consumatore del futuro.

Ancora più vantaggiosi, sempre ragionando dal fronte degli albergatori, sono quei comparison che permettono di personalizzare nei minimi dettagli la propria pagina presente all’interno di questi.

In conclusione non lasciare più nulla al caso e cercare di anticipare le mosse del potenziale utente/viaggiatore sono fattori da cui non si può prescindere se si vuole far fare un vero e proprio salto di qualità alle prenotazioni del tuo hotel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *