La ripresa del turismo in mano ai giovani.

L’indagine di Virtuoso sulla ripresa del turismo: i giovani viaggiatori sono pronti a tornare in pista (a viaggiare)

Gli impatti del Covid-19 sul settore turistico hanno colpito in lungo e largo, ma ci sono dei segnali che fanno sperare in una ripresa.

I dati raccolti da Virtuoso attraverso le indagini sulle vendite e sui viaggiatori sono stati presentati durante la conferenza “virtuoso travel week”.

Di solito l’evento si svolge a Las Vegas, per quest’anno invece ha assunto una nuova veste virtuale.

Il vice presidente di Virtuoso, David Kolner, afferma che:

“non possiamo trascurare il fatto che abbiamo completamente perso le nostre aspettative per il 2020. E mentre pochi mesi fa speravamo che tutto sarebbe tornato alla normalità ormai … ci sono ancora pochi segni di speranza.”

Virtuoso ha chiesto ai suoi viaggiatori se fossero pronti a viaggiare nei mesi di Giugno e Luglio, entrambi i mesi hanno avuto dei risultati simili: i giovani sono pronti per viaggiare di nuovo.

Nel mese di giugno i giovani viaggiatori saranno l’84.2%, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, quelli che non viaggeranno saranno il 5.3 % e gli insicuri il 10.5%.

Tra i viaggiatori adulti , età compresa tra i 55 e i 76 anni, soltanto il 36.2% ha confermato di voler tornare a viaggiare e il 53.7% non si sente ancora pronto.

La generazione Z, i millennials e la generazione X sono le categorie pronte a viaggiare.

Sono cambiate anche le modalità di viaggio, le persone preferiscono rimanere vicino casa e non prolungare il viaggio per più di 2 settimane.

Gli hotel partner di Virtuoso hanno inserito all’interno dei loro portali di vendita nuovi parametri utili per la situazione attuale, come: “isolamento”, “golf”, “spiaggia”.

Attualmente è un momento perfetto per imparare di più sulle passioni dei clienti per capire cosa vogliono fare durante il viaggio.

L’indagine di Luglio ha rivelato che il 22% dei viaggiatori hanno intenzione di spostarsi durante le ferie, ma vogliono monitorare l’evolversi della situazione prima di prenotare; il 15% hanno intenzione di prenotare ed eventualmente cambiare successivamente i piani mentre il 16% invece non ha alcuna intenzione di spostarsi durante questo periodo critico.

Per quanto riguarda le crociere sono in risalita le vendite rispetto al 2019, soprattutto le crociere oceaniche di lusso.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
LinkedIn
Share