Hotel Marketing: i mercati chiave europei per i viaggi di piacere

EuropaUltimamente PhoCusWright ha stilato un rapporto dove si evincono che alcuni stati europei come Francia, Germania e Regno Unito, stanno registrando, in questi ultimi periodi , una netta ripresa per quanto riguarda le prenotazioni dei viaggi di piacere, aumentando notevolmente il la spesa destinata alle vacanze in tutto il 2013.

Di pari passo con una, seppur lenta ripresa economica che sta investendo l’Europa, in questo ultimo periodo, i consumatori del vecchio continente (almeno quelli degli stati sopra citati), si sentono abbastanza tranquilli nel ricominciare a pianificare nel budget delle loro famiglie, una vacanza dedita allo svago e al relax.

Stando alle cifre di PhoCusWright, le percentuali di adulti che effettuato almeno una vacanza negli ultimi 12 mesi sono in netto aumento rispetto al 2012, in Francia e Germania sono aumentate di circa quattro punti toccando rispettivamente il 70% e il 72%, nel Regno Unito la quota è cresciuta di circa tre punti arrivando a raggiungere il 78%. Si calcola che in Germania i viaggiatori hanno incrementato le soro spese destinate alle vacanze di circa 206 Euro in più rispetto al 2012, mentre quelli UK di 238 Euro.

Lo studio di PhoCusWright ha inoltre cercato di definire come e in quale direzione si sono spesi questi soldi in più, facendo evincere che i consumatori/viaggiatori, in tutti e tre i mercati indifferentemente, hanno posto in cima alle loro priorità di tipologia di vacanza, un ampia gamma di beni e servizi, come più ristoranti, una viva e coinvolgente vita notturna, intrattenimento, tanto sport ed anche l’utilizzo di strutture elettronicamente all’avanguardia.

Le tendenze di viaggio esaminate da questa relazione, intitolata “European Consumer Travel Report Fourth Edition”, hanno fornito non solo le cifre del netto aumento, ma ci hanno dato anche un preciso spaccato del moderno viaggiatore e delle sue intenzioni, delle sue aspettative, delle sue volontà. Lo studio ha delineato questi cambiamenti, attraverso un fitta gamma di metriche dedite ai viaggi, fra cui l’incidenza dei viaggi di svago, la frequenza, la durata, le spese, i viaggi nazionali e quelli internazionali.

L’analisi è andata anche più nel profondo esaminando anche l’utilizzo dei canali interessati durante tutte e tre le tappe della progettazione di un viaggio: pianificazioneselezione destinazioneprenotazione, cercando di capire come e quanto queste siano state effettuate attraverso il web e quante no, non solo ma anche di tutte quelle realizzate online, quante di esse appartengono al canale mobile o quante derivano dai Social Network.

I fattori chiave presi in considerazione, per effettuare questo studio sono stati:
– comportamenti generali dei viaggiatori
– le tendenze di consumo all’interno dei viaggi effettuati: tipologia (treno, aereo, ecc.), alloggio, noleggio auto, crociera, ecc.ecc.
– tendenze all’acquisto online
– canali utilizzati nel web (mobile, social, portali di viaggio ecc. ecc.)

Tutti i maggiori approfondimenti li troverete direttamente sul sito di PhoCusWright.

Fonte: Hotel Marketing