Come investire i soldi destinati all’hotel web marketing?

marketing budgetStando alle ultima stime durante tutto il 2013 gli hoteliers americani hanno investito circa il 38% del loro budget destinato al marketing per la promozione online. Questi sono dati che derivano direttamente dagli USA dove le spese affrontate per la promozione online rivestono assolutamente u ruolo di prim’ordine.

Se rapportiamo tutto questo all’Italia, dove ancora molte strutture stentano ad avere un buon booking engine o addirittura un sito funzionante sia per PC che per mobile, le percentuali divengono irrisorie. Nonostante oggettivamente l’America rappresenti, ad oggi, ancora una realtà ben lontana, può però aiutarci a capire meglio dove e come investire i nostri soldi, a tal proposito ci preme farvi conoscere la nuova guida targata USA su come spendere il denaro destinato al marketing online, ovvero: la “Smart Hotelier’s Guide to 2014 Digital Marketing Budget Planning“.

Il nodo fondamentale di questa guida, redatta direttamente da HeBS, è quello di investire il denaro dei budget per riuscire ad incrementare le prenotazioni dirette. Questi specialisti hanno analizzato, inoltre, quali effettivamente siano le problematiche che si frappongono tra gli albergatori e dei corretti investimenti online, fra tutti il fatto che il web marketing venga sottostimato, in America stessa si continua ad investire il 28% in questo canale, mentre dall’online provengono circa il 48% delle prenotazioni totali.

La seconda problematica è che gli hotel dipendono ancora troppo dalle OTA e dai vari intermediari, sopratutto in Italia le strutture che puntano tutta la loro visibilità sfruttando quella dei grossi portali sono la stragrande maggioranza.

Il primo passo quindi per ottimizzare la spesa destinata al marketing digitale è quello di abbattere questi preconcetti, poi vanno assolutamente tenuti d’occhio i trend, per stabilire il modo migliore di spendere i soldi è necessario sapere quali saranno i maggiori ambiti di applicazione, per il prossimo anno (2014) come molti ormai dicono si dovrà investire maggiormente nella multicanalità, ovvero tenere d’occhio i 3 principali device di oggi, PC, Smartphone, Tablet.

L’altro trend assolutamente in voga per il 2014 sarà quello derivante dall’esplosione dei motori di ricerca, questa è la nuova modalità secondo cui l’utente moderno vuole acquisire sempre maggiori informazioni.

Di seguito l’analisi fatta da HeBS, scendo un po più nello specifico e cerca di individuare le aree principali dove destinare i soldi, che sono fondamentalmente tre:

1 Ottimizzare le risorse: sito ufficiale con conseguente restyling adattabile a tutti i nuovi device, consultare le varie agenzie specializzate che ci indichino la via migliore per promuovere il sito stesso, potenziare la parte tecnica del sito, dovrà essere altamente performante.

2 Azioni di web marketing: SEO, content marketing, PPC, SEM, retargeting, e-mail marketing, incremento della Brand Reputation e Social Media Marketing.

3 Marketing multicanale: ad esempio legare la propria struttura ad un evento specifico, o magari promozioni che siano in linea con la stagionalità, fare delle azioni su più canali con lo scopo di aumentare la visibilità.

Questi sono solo alcuni spunti e suggerimenti (seppur molto preziosi) che hanno lo scopo di aiutarci a farvi capire quanto sia impensabile riuscire ad incrementare la disintermediazione e aumentare le prenotazioni dirette, tralasciando una buona pianificazione di marketing digitale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
LinkedIn
Share