Analizziamo la maturità del nostro livello digitale con il “NEC”

Ok ormai avete un sito che funziona, avete una strategia di web marketing turistico ben delineata, fate una corretta SEO e tutto quanto concerne le innumerevoli attività che oggi un hoteliers deve fare per essere visibile nel web, ma vi siete mai chiesti quale sia la qualità di tutto quello che fate?

Per fortuna in questo senso una grande mano ce l’ha data la Cornell University, perchè indagando la questione è riuscita ad estrapolare uno strumento in grado di misurare quella che loro hanno definito come Network – Exploration – Capability (NEC), che si riassume in poche parole, nella misurazione di come un hotel, attraverso Internet sfrutti tre punti fondamentali: ottimizzare le revenue, aumentare la domanda e ottenere distribuzione multicanale.

In pratica parliamo di un vero e proprio tool in grado di misurare che tipo di comportamenti adotta un determinato hotel e come li porta avanti. La Cornell ha individuato 5 diversi livelli in cui si può posizionare un hotel in quanto a sfruttamento del web. Sono dei livelli progressivi in cui nel primo ci sono tutti quegli alberghi che svolgono attività digitali a tempo fino ad arrivare al quinto dove ci sono tutte quelle strutture in cui i processi di web sono al’ordine di giorno e sono in una costante ricerca di perfezionamento.

Ogni area è la base di quella successiva, questo per rendere più facile sia la comprensione di dove ci si trova attualmente sia quali siano le modalità per passare alla successiva e più avanzata.

La misurazione degli studiosi della Cornell si basa su un 45 tipologie di comportamenti differenti e di altrettante domande attuate per stabilire la regolarità e la qualità di tutte le strategie sviluppate in ambito digitale da parte di un hotel.

In questo studio si da la possibilità ad un hoteliers di valutare attentamente la propria struttura e capire dove porre rimedio per implementare lo sfruttamento del web, si tratta semplicemente di rispondere ad una serie di domande e confrontare i risultati ottenuti con i dati estrapolati dai benchmark portati avanti dallo studio, al fine di intervenire in maniera più mirata.

Il nostro consiglio è quello di verificare, questo vi darà la misura di quello che state facendo, in rapporto a quello fatto dagli altri, al fine di capire dove potenziare o dove assolutamente si deve porre rimedio.

Ecco il sito della Cornell University dove troverete la pagina dello studio in questione:
http://www.hotelschool.cornell.edu/research/chr/pubs/reports/abstract-17083.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *