Trend turistici: 8 consigli per albergatori e operatori turistici

freccia trendPensare alla crisi economica ha fatto bloccare in molti l’iniziativa pensando che il turismo sia bloccato come le finanze dei turisti stessi.

In realtà i trend turistici dimostrano ben altro: il settore turismo ha un andamento positivo nel complesso ed è questo il momento di innovarsi e seguire le nuove tendenze per non perdere la possibilità di superare la crisi economica senza danni.

In un mondo del turismo in cui social e mobile stanno creando nuovi spazi bisogna documentarsi e operare aprendosi a nuovi orizzonti e, soprattutto, senza arrivare in ritardo presentandosi come fanalini di coda.

Quali sono quindi i consigli essenziali da rivolgere ad albergatori e operatori turistici in questo periodo?

1- Sfruttare lo sviluppo del “mobile”.

Secondo una ricerca di EyeforTravel.com  ben il 20% delle vendite del settore turistico si ha attraverso mobile e cresce il numero di persone che accede ad internet non più da una postazione fissa, ma da uno smartphone.

Cosa implica cio? Semplicemente che il mobile deve essere inserito in una posizione d’onore in ogni strategia.

2- Amplificare l’azione Social.

Seguendo la stessa ricerca si percepisce l’importanza della diffusione dei social, pensate che nei paesi sviluppati la diffusione dei social arriva al 44%. Nonostante la difficoltà dei fornitori nel considerare i social una piattaforma di booking on line una catena come quella della Best Western ha pensato bene di operarsi per rendersi prenotabile via Facebook.

3- Operare su più canali.

Non è possibile concentrarsi su un solo canale, che sia il mobile o il social, ed escludere l’altro. L’integrazione dei canali in un ambiente cosiddetto “multicanale” è indispensabile per il successo.

4- Clienti mezzo di pubblicità.

La creazione di contenuti social rende i clienti capaci di ricondivisione quindi in automatico portavoce del nostro brand. L’importanza della qualità dei contenuti prodotti è quindi evidente e fondamentale

5- Il fascino del last minute.

Il concetto di last minute ha sempre affascinato il turista alla ricerca della super offerta low cost. Oggi quasi la metà dei viaggiatori utilizzano il mobile per la loro ricerca e si dichiarano propensi a prenotare anche con una settimana di anticipo. Cercare di trovare una via per sfruttare il mobile per cavalcare l’onda della diffusione del last minute può essere una strategia vincente.

6- Conoscere le abitudini di prenotazione del mercato di riferimento.

Il mercato turistico ha rilevato un costante aumento di turisti provenienti da Brasile, Russia, India e Cina. Per catturare questa ondata è fondamentale conoscere i canali utilizzati da questi turisti per la ricerca e la prenotazione. Ad esempio la forte ondata di cinesi (in costante espansione) utilizza con una certa costanza i social.

7- Dibattito sulla rate parity.

E’ tutto un gran parlare di rate parity negli ultimi tempi. Il dibattito legale in corso nasce dal fatto che in molti considerano questa regolamentazione un blocco della libera concorrenza. Se la rate parity venisse abolita i canali social e mobile potrebbero risultare avvantaggiati rispetto ad altri strumenti nella distribuzione.

8- Aumenti dei pagamenti via smartphone.

Non ci sono dubbi che le transazioni via mobile stiano crescendo, questo significa che adottare tecnologie per i pagamenti via mobile potrebbe essere la principale fonte di incasso tra qualche tempo, quindi si tratta di un’altra via da non sottovalutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
LinkedIn
Share