Marriott contro Accor: pareri discordanti

I CEO di Marriott e Accor non sono d’accordo sulla rapidità di recupero degli hotel in Europa

Marriott contro Accor: pareri discordanti per le due aziende alberghiere circa la visione diversa di come il settore alberghiero si riprenderà dal coronavirus.

I dirigenti dei principali marchi alberghieri come Marriott, Hilton e Accor hanno partecipato a un webinar della NYU (New York University) martedì per discutere dell’impatto della pandemia sugli hotel di tutto il mondo.

Tutti hanno concordato che il coronavirus si tradurrà, probabilmente, nell’anno peggiore della storia, mai registrato, per l’industria alberghiera mondiale. Ma hanno avuto opinioni diverse su come sarà il rimbalzo.

Come la pensa Marriott?

“E’ ironico pensare che gli Stati Uniti e la Cina sono gli stati più simili sotto l’aspetto dell’economia turistica, visto quanto sono terribili i rapporti politici tra i due Paesi”, ha detto il CEO di Marriott Arne Sorenson. “Sono i due grandi mercati più dipendenti dai viaggi nazionali, e saranno i primi a tornare”.

Circa il 95 per cento degli affari di Marriott in Cina e negli Stati Uniti, rispettivamente, proviene da viaggiatori nazionali. La Cina è più avanti degli Stati Uniti in termini di recupero del coronavirus, ma Arne Sorenson pensa che entrambi i Paesi abbiano lo stesso tipo di fondamentali dell’industria dei viaggi per alimentare un recupero più forte rispetto all’Europa.

“L’Europa è intrinsecamente più complicata perché se si guarda al mercato nel suo complesso, è composto da tutti questi diversi paesi”, ha detto Sorenson. “Hanno i loro confini. Hanno le loro politiche. Hanno il loro approccio al virus”.

Mentre Marriott ha registrato tassi di occupazione a una sola cifra negli hotel in Cina all’inizio del 2020, il suo portfolio cinese ha da allora superato la soglia media di occupazione del 40%.

L’azienda sta inoltre perseguendo una strategia di marketing regionale per attrarre i viaggiatori in Cina, comprese le promozioni con carte regalo per stimolare gli affari e stimolare la domanda.

Tutto il portfolio di 350 hotel in Cina di Marriott ha riaperto dopo molte operazioni temporaneamente sospese durante la pandemia, ha dichiarato Sorenson questa settimana durante un summit di viaggio di Goldman Sachs.

“Gran parte del business in Europa dipende dalla gente che arriva dagli Stati Uniti o dall’Asia o da qualche altro posto – un vero e proprio business a lungo raggio che penso sarà lento [a tornare]”,

ha detto Sorenson durante il webinar della NYU (New York University).

Come la pensa Accor?

Ma il CEO di Accor, Sebastien Bazin, con sede a Parigi, non si aspetta che l’Europa sia così in ritardo.

“Non siamo al 95% in Europa in termini di dipendenza interna, ma siamo all’80%”, ha detto Bazin. “Si aprono le frontiere tra le nazioni, il che è in gran parte vero”.

L’Europa non sarà così complicata con le sue restrizioni di viaggio per il recupero dopo il coronavirus, come sostiene l’amministratore delegato di Accor, Sorenson.

Molti paesi dell’area Schengen, 26 paesi europei che normalmente consentono la circolazione senza restrizioni all’interno dei loro confini, sono sulla buona strada per eliminare le restrizioni di viaggio a giugno.

Anche stati come l’Austria e la Finlandia fanno parte di quel gruppo di paesi che intendono consentire i viaggi nelle rispettive nazioni.

L’ampia rete ferroviaria europea potrebbe anche dare al continente un ulteriore impulso alla ripresa del settore alberghiero. La convenienza dei treni tra i paesi e le loro città più grandi dà a Bazin un motivo per pensare che le destinazioni “da treno a macchina” e “da treno a treno” saranno le prime a riprendersi.

Ma, come Sorenson, il CEO di Accor ha riconosciuto l’importanza dei viaggi domestici nella ripresa iniziale e come potrebbe essere un’opportunità per cambiare strategia operativa.

Gli operatori locali non hanno chiesto il permesso alla sede centrale di Accor di riaprire gli alberghi e di servire i pasti durante il blocco del coronavirus, ma Bazin ha affermato di essere “dannatamente bravi a farlo”.

“Se si parla di clientela domestica, date loro le chiavi. De-nucleerete molto di più i vostri team di gestione locale nei paesi perché conoscono meglio il mercato. Conoscono meglio i proprietari e conoscono meglio i clienti”, ha detto Bazin.

“È davvero il momento di impostare un’organizzazione più bottom-up che top-down. E’ un reset importante non facile da fare, ma fidatevi completamente di loro, perché sono sempre stati lì quando ne avevate più bisogno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *