Il punto di forza dell’Ospitalità? Far vivere un esperienza

OspitalitàjpgSe già qualche anno fa era vero che per combattere la crisi avanzante era necessario far appello ai sentimenti, per far ridestare l’interesse degli ospiti oggi questa è divenuta una linea guida imprescindibile.

E’ quanto detto anche in un pezzo, molto veritiero sull’attuale realtà dell’ospitalità, presente qualche giorno fa sul famoso giornale americano USA Today, in cui si parla di come molte strutture stanno inserendo nei loro piani di marketing dei pacchetti adatti a far vivere all’ospite delle vere e proprie esperienze.

Gli hotel manager dovrebbero ragionare su delle autentiche azioni che portino i clienti verso delle esperienze ideate su misura che abbiano a che fare con la storia, la cucina o le attrazioni di un determinato posto o delle varie comunità che lo compongono, ancora meglio se queste esperienze siano del tutto esclusive.

E’ ovvio come per le grandi catene, con a disposizione budget da capogiro questo sia molto più facile, basta pensare al famoso pacchetto ideato dal Ritz Carlton, in cui si prevede non solo un soggiorno di ultra lusso ma anche un incontro con i propri beniamini del basket americano prima di una partita, ma per essere vincenti non servono solo i soldi basta aguzzare l’ingegno, l’obiettivo deve essere quello di regalare all’ospite dei ricordi che durino per sempre.

Tutti i recenti studi d’altronde dimostrano come le persone diano molta più importanza alle esperienze piuttosto che alle cose materiali, questo ha quindi spinto molti famosi brand a rivisitare i servizi offerti al fine di creare valore assoluto ma sopratutto esclusivo.

Per farvi capire come non necessariamente si debbano spendere delle cifre esorbitanti per attuare queste offerte basta pensare ad alcune maniere per far allontanare i propri ospiti dalle classiche pagine di una guida turistica, riuscire ad offrite ai clienti nuove visioni del territorio o esperienze mai fatte prima.

Si potrebbe ad esempio lavorare sul territorio, instaurare rapporti con chi ha delle attività legate a quest’ultimo, ristoratori, guide, esperti della zona, artigiani, ecc. ecc. tutte persone che possono aumentare il livello di qualità della suddetta esperienza che intendiamo far vivere ai nostri ospiti, senza fargli spendere chissà quali somme.

Quindi il nostro consiglio è quello di tralasciare per un po questa continua ricerca del miglior servizio da inserire all’interno della stanza e di concentrarsi di far vivere all’ospite li luogo dove risiede il vostro hotel, con aspettative diverse con esperienze che non appartengono alla classica guida turistica.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
LinkedIn
Share