Airbnb aiuta il turismo: Go Near e il turismo locale

Airbnb incentiva il turismo locale attraverso una nuova iniziativa, per fronteggiare.

Airbnb aiuta il turismo lanciando un’iniziativa denominata Go Near per stimolare la crescita economica attraverso i viaggi locali.

Go Near è stata progettata per attingere al crescente desiderio di viaggi nazionali, a fronte delle restrizioni di viaggio verso destinazioni internazionali. 

In un recente sondaggio, Airbnb mostra che quasi la metà degli intervistati statunitensi vuole rimanere nell’ordine di un giorno di viaggio nelle loro prime uscite per facilitare i blocchi.

La società afferma che la percentuale di prenotazioni effettuate sulla piattaforma nel raggio di 300 chilometri è aumentata di un terzo a febbraio a oltre il 50% a maggio.

Nel complesso, Airbnb ha notato un aumento delle notti prenotate per le inserzioni negli Stati Uniti dal 17 maggio al 6 giugno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Affermano che le famiglie costituiscono una percentuale maggiore di ospiti Airbnb con pernottamenti prenotati per viaggi negli Stati Uniti per le date sopra indicate, con un aumento di oltre il 55% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Airbnb sta aggiornando la sua homepage e l’app per riflettere la domanda interna e aiutare i viaggiatori a trovare un alloggio e le esperienze nelle vicinanze, dice. Una campagna estiva di e-mail e social media Go Near è stata lanciata per sostenere questi passi.

La società sta anche collaborando con i governi e le organizzazioni di marketing di destinazione per aiutarli ad utilizzare la piattaforma Airbnb per capire come le comunità locali possono trarre il massimo vantaggio dalla ripresa nazionale nei viaggi.

Le iniziative includono una campagna di marketing nazionale con la U.S. National Park Foundation (un’associazione no profit statunitense costituita per la protezione dei parchi naturali americani per presenti e future generazioni)  per promuovere i parchi meno conosciuti nelle destinazioni.