Lastminute.com prevede che si riparte a Maggio e che l’Offline fallirà

Il gruppo Lastminute.com prevede che le prenotazioni tornino a maggio, prevede che i concorrenti offline falliranno

Il gruppo Lastminute.com prevede il ritorno delle prenotazioni a Maggio e prevede il fallimento della concorrenza Offline.

Il gruppo Lastminute.com fa una previsione che i viaggiatori riprenderanno a prenotare tra Maggio e Giugno, con livelli tornati alla normalità tra Luglio e Agosto.

Nella sua presentazione dei risultati per l’anno 2019, il gruppo afferma di essere in una buona condizione per affrontare e superare l’impatto di COVID-19 a causa di una cassa di riserva da 113 milioni di euro.

La società afferma inoltre di disporre di una linea di credito sufficiente per finanziare l’attività oltre alla sua solida posizione di liquidità. Il gruppo, i cui marchi includono Lastminute.com, Bravofly e Rumbo, afferma che i ricavi del suo core business sono aumentati del 20% a € 338 milioni su base annua, mentre l’EBITDA è aumentato del 64% a € 71 milioni.

Gli utili netti per il gruppo sono stati pari a quasi € 24 milioni rispetto a € 8 milioni nel 2018. La società afferma che la crescita dei ricavi è stata trainata dalla sua attività di agenzia di viaggi online, in particolare da voli e pacchetti di viaggio dinamici.

Anche il business dei media del gruppo ha visto una forte crescita ma il suo meta business ha registrato un calo del 13% delle entrate e un calo del 5% dell’EBITDA dell’anno.

Situazione attuale

Sull’impatto del virus COVID-19 (ormai conosciuto come Coronavirus) sul business, Marco Corradino, CEO del gruppo, afferma: “Tutto accade molto velocemente – è una delle situazioni più gravi dei tempi moderni”.

Prima di un forte calo delle prenotazioni, che inizialmente ha interessato principalmente l’Italia, da metà febbraio, le negoziazioni per il 2020 erano iniziate con un aumento del 19% del fatturato del suo core business di € 62 milioni e un aumento del 16% dell’EBITDA a € 12,5 milioni.

Aggiunge che un modello simile è ora visibile in altri mercati in Europa.

Di conseguenza, la società ha adottato varie misure per contrastare l’impatto, tra cui l’adattamento mirato degli investimenti in marketing, il rinvio dei bonus di gestione e il blocco delle assunzioni.

Inoltre prevede aiuti dai pacchetti finanziari annunciati dai governi europei, tra cui la Svizzera, che dovrebbero aiutarla a proteggere la forza lavoro.

Guardando al futuro, Corradino afferma che il gruppo Lastminute.com si troverà in una posizione favorevole rispetto ai tradizionali operatori al dettaglio a causa della sua avanzata attenzione digitale.

“Prevediamo un grande passaggio da offline a online. Il 50% in Europa è ancora offline e in qualsiasi crisi c’è un grande cambiamento. Non tutti gli operatori saranno presenti alla fine della crisi. ”

Dice anche che la strategia di utilizzare le BedBanks per procurarsi alloggi, piuttosto che contrattare direttamente, aiuterà anche a mitigare qualsiasi calo delle prenotazioni.

Lastminute.com sta anche rivedendo le sue priorità a breve, vista la situazione attuale, per concentrarsi sulla “sostenibilità a lungo termine” dell’azienda.

La società ha rifiutato di commentare ulteriormente una possibile vendita di una partecipazione nel business, una voce emersa all’inizio di marzo quando il gruppo ha confermato che era in “trattative avanzate” con i finanziatori del private equity.