La Francia crea un’OTA nazionale contro Airbnb e Booking

Il governo creerà una piattaforma francese per contrastare il potere di intermediazione delle grandi agenzie online

Il 14 maggio il governo francese ha presentato il suo piano di ripresa del turismo,  in concomitanza alla notizia dello stanziamento di 18 mld per la ripresa del settore turistico.

Tra le misure presentate, una è rimasta piuttosto discreta: la Francia crea un’OTA nazionale contro Airbnb e Booking.com che riunisca l’offerta turistica francese per il 2021.

Sarà creata una piattaforma per la valorizzazione dei dati relativi all’offerta turistica francese”, si legge nel rapporto del Comitato Interministeriale per il Turismo.

Questa piattaforma avrà l’obiettivo di rafforzare il coordinamento, la gestione e la coordinazione dell’offerta turistica francese e potrà costituire uno strumento di sovranità digitale.

Alla domanda su BFTM TV (palinsesto francese), Eric Lombard, amministratore delegato di Caisse des Dépôts, ha fornito maggiori informazioni su questa piattaforma, di cui sono stati rivelati pochi dettagli:

“Il turismo è stato molto disintermediato dalle principali piattaforme americane come Airbnb e Booking (Booking.com è una società olandese, ndr). Dobbiamo riappropriarci del legame con i clienti, in modo che, ad esempio, il turista tedesco che arriva a Colmar possa scoprire dove si trovano i birrifici e a che ora aprono i musei. Tutte queste informazioni molto concrete che permettono un accesso molto ampio a tutta la nostra offerta turistica”.

Sempre Eric Lombard in un’intervista per Bloomberg dichiara che “la piattaforma sarà realizzata con il governo francese e l’industria del turismo, ci vorranno molti mesi per costruirla”. 

Sarebbe l’ambizione del governo creare una piattaforma francese che, oltre a fornire informazioni turistiche, permetta di prenotare una camera d’albergo?

Almeno questo è quanto suggerisce il direttore della Caisse des Dépôts, citando Airbnb e Booking.

Cosa ne pensano i professionisti del settore alberghiero e dei viaggi francesi?

La Francia crea un’OTA nazionale contro Airbnb e Booking e le reazioni cominciano a farsi sentire nel settore alberghiero, che si interroga sulla fattibilità e sul valore di tale piattaforma.” Da parte mia, non ci credo affatto”, dice Mathieu Pollet, CEO di LoungeUp (una piattaforma di guest management).

” Dovremo vedere come questo progetto sarà realizzato. Ma per me non spetta allo Stato occuparsene. Capisco che questo possa rassicurare la professione, ma non vedo come una soluzione costruita da zero possa competere con Booking e Airbnb che da anni se la cavano molto bene con notevoli mezzi finanziari”.

Per lui, è proprio il modello economico che non sarebbe praticabile:

“L’obiettivo del governo è quello di disintermediare per offrire prezzi più interessanti. Ma manca il potere di marketing delle principali piattaforme che investono massicciamente nell’acquisizione di clienti. Sarà necessario promuovere la piattaforma presso i clienti internazionali, quindi aumentare i prezzi. “

Un’opinione condivisa da Moncef Khanfir. Per il CEO di Wonder Miles e l’esperto di viaggi d’affari, la sfida non è tecnologica, ma di marketing.

“Ricordiamo tutti la meraviglia della Minitel, la prima piattaforma sicura di e-commerce che crea spazi collaborativi. Purtroppo l’offerta non ha mai varcato il confine… È il segno distintivo della cultura francese, siamo concettualmente molto forti, ma quando si tratta di vendite e marketing, abbiamo lezioni da imparare dagli Stati Uniti”.

Secondo lui, una tale piattaforma può essere creata in Francia, a condizione che il suo sviluppo sia affidato a “geek informatici” e non al governo. “La Francia è la prima destinazione turistica al mondo e può facilmente sviluppare il suo patrimonio”, spiega.

“Sono d’accordo con loro”, dice Thomas Yung, fondatore di My Hotel Reputation. Non sono favorevole a questo ennesimo tentativo di sviluppare una piattaforma. Credo di “sentire” che neanche i professionisti lo vogliono. Non sappiamo come fare, abbiamo già provato molte volte, abbiamo speso miliardi. Dovremo trovare un’innovazione rivoluzionaria per riconquistare il mercato.

Preferirei che i miliardi andassero a finanziare l’innovazione. Inoltre, ci sono già iniziative come Fairbooking, perché non costruire su queste piattaforme esistenti? Sarebbe preferibile applicare la cosiddetta legge Macron del 7 agosto 2015 per riequilibrare il rapporto tra i fornitori di hosting e le piattaforme di prenotazione. È gratuito ed è la legge”.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
LinkedIn
Share