Country Brand Index 2014: Italia amata ma non attrae

country brandL’Italia è un marchio di qualità? Tanto apprezzata al mondo in realtà quanto attira? Dobbiamo purtroppo considerare la nostra arretratezza e con un bel mea culpa guardare paesi come quello dei nostri cugini francesi che hanno creato una pubblicità tale intorno al loro paese e al loro “made in” da attirare pubblico da tutto il mondo.

Si perchè la Francia risulta essere il paese più visitato al mondo già nel 2013, mentre l’Italia nel conteggio si ritrova quinta con una agguerrita Turchia che la insegue a breve distanza. Per quale motivo il bel paese tanto apprezzato per cultura, bellezze naturali, cucina, turismo…. non attira?

Se analizziamo i risultati del Country Brand Index 2014 (http://www.futurebrand.com/cbi/2014), che analizza la percezione dei consumatori dei 118 paesi del mondo, vedremo gli andamenti dei gusti e anche la percezione che i consumatori hanno dell’Italia. L’Italia infatti risulta al primo posto solo per quanto riguarda turismo e cultura, mentre scende vertiginosamente per tutti gli altri aspetti (come la qualità della vita, percezione generale del paese, qualità del commercio ecc.) addirittura non compariamo nella top 10 riguardo il made in che invece dovrebbe essere il nostro punto di forza.

Il motivo principale sta nella mancanza di una strategia di comunicazione adeguata e articolata sul territorio. In realtà è un pò tutto il sistema carente: noi stessi consideriamo le nostre bellezze uniche ma non facciamo nulla per rivalutarle puntando il dito per il decadimento esclusivamente sulla classe dirigente. In giro per il mondo intanto, mentre noi ci crogioliamo nell’apatia, i paesi si vestono a festa rendendo oro puro patrimoni ben più esili e insignificanti del nostro. Continuiamo a guardare alle bellezze del passato come il nostro non plus ultra ma non lo curiamo e non creiamo niente di nuovo.

Ci vantiamo del made in italy che poi non custodiamo nè difendiamo. Crediamo che la cucina italiana sia l’unica al mondo, mentre all’estero per una serata in considerano ben altro di qualità.

Abbiamo a disposizione un potere unico al mondo, ma lo stiamo mandando allo sfacelo rifiutandoci di organizzare il tutto e di ricorrere a strumenti moderni per far innamorare di nuovo i turisti del nostro paese che non si sa ancora per quanto tempo verrà considerato il “Bel Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *